Skip to content Skip to main navigation Skip to footer

Modello F24 semplificato

Il Modello F24 semplificato è un documento in formato PDF con il quale è possibile pagare tasse e tributi, ad esempio pagamenti verso l’Imu, ma è anche possibile effettuare pagamenti in compensazione. Di seguito vi spieghiamo passo per passo come compilare il Modello F24 semplificato e vi forniamo anche il download gratuito del documento in formato PDF modificabile.

Modello F24 semplificato

Come già accennato, il Modello F24 semplificato è un documento fiscale, con questo modello è possibile presentare il pagamento d’imposte e interessi. L’F24 è utilizzato per il pagamento delle compensazioni dei tributi statali, regionali e locali, tra cui Immu, Tari e Tasi.

È importante ricordare che, quando si scarica il modulo F24 semplificato, il documento include le istruzioni ufficiali fornite dalle autorità fiscali. Inoltre, vengono indicati gli esattori, gli uffici postali e le banche dove è possibile pagare le tasse.

L’F24 semplificato è composto da due lati identici. La prima facciata del documento è quella che deve essere conservata dal contribuente, mentre la seconda è quella che deve essere consegnata al momento del pagamento presso la banca, l’ufficio postale o l’agente di riscossione dove si pagano le tasse.

Nota: anche se in questa guida vi mostriamo come compilare il modulo F24 semplificato per il pagamento diretto, potete anche effettuare il pagamento online, con un notevole risparmio di tempo.
Il modello F24 in questione è stato introdotto dall’Agenzia delle Entrate il 1° giugno 2012 per semplificare il pagamento e la liquidazione di tutte le imposte statali, regionali e locali, in sostituzione del modello F24 predefinito.

Pagamento online

Se decidete di pagare l’F24 semplificato editabile, l’Agenzia delle Entrate ha messo a vostra disposizione la piattaforma di pagamento online, che è gratuita e può essere effettuata da qualsiasi luogo dotato di una connessione internet.

Tutti i contribuenti in possesso di un PIN dell’Agenzia delle Entrate possono effettuare il pagamento delle imposte sul sito ufficiale dell’Agenzia. Se non si dispone ancora di un PIN per effettuare i pagamenti online, è possibile recarsi presso l’Agenzia delle Entrate più vicina e richiederne uno.

Modello F24 semplificato: istruzioni compilazione

La prima sezione da compilare è quella relativa al CONTRIBUTORE, in cui è necessario comunicare il proprio numero di partita IVA e tutti i dati personali. La sezione CODICE ATTO e CODICE UFFICIO deve essere compilata solo se richiesta dall’autorità fiscale, altrimenti non deve essere compilata.

Nella sezione codice fiscale è necessario inserire il codice fiscale del coobbligato, dell’erede, del genitore, del tutore o del curatore fallimentare. Nella tabella dei codici identificativi pubblicata dall’Agenzia delle Entrate è specificato quanto segue.

  1. Codice 02: genitore/tutore
  2. Codice 03: fiduciario
  3. Codice 07: erede

Nella seconda sezione del modello F24 semplificato editabile è necessario compilare il MOTIVO DI PAGAMENTO. Il modulo deve essere compilato seguendo le seguenti istruzioni.

Sezione: è necessario indicare il destinatario, intendendo con ciò (autorità fiscali), RG (regione), EL (autorità locali);

Codice fiscale: qui è necessario inserire il codice fiscale relativo all’imposta da pagare; è possibile consultare l’elenco dei codici fiscali sul sito ufficiale dell’Agenzia delle Entrate.

Codice entità: qui si deve inserire il destinatario del pagamento.

Importi: inserire l’importo da pagare; è importante ricordare che, se ci sono più di due decimali, il valore deve essere arrotondato. Cioè 52,755 euro arrotondati diventano 52,76; 52,758 euro arrotondati diventano 52,76; 52,752 euro arrotondati diventano 52,75).

Nel caso in cui il contribuente proceda al pagamento delle somme dovute a titolo di saldo o acconto in una transazione, la sezione deve essere MOTIVO DEL PAGAMENTO e procedere all’indicazione del codice 0101. Quando si effettua un pagamento rateale, il contribuente deve indicare per ogni imposta, nella colonna “rif.rata/mese”, la rata che si sta pagando e il numero di rate scelto (ad esempio, se si sta pagando la seconda di sei rate, si deve indicare 0206).

Infine è necessario firmare il documento; in caso di addebito, nel C.C. È necessario indicare il proprio Iban accanto alla firma.

Modello F24 semplificato: istruzioni per la compensazione

Il modello F24 semplificato può essere utilizzato anche per la compensazione dei crediti scaduti con tutti quei debiti che possono essere pagati con il modello F24.

È importante ricordare che la compensazione è consentita fino a quando la riduzione del debito non raggiunge lo zero, il saldo finale non può essere negativo e quindi presentare un’eccedenza di credito, ma solo positivo.

  1. Codice fiscale: è il codice relativo alla provenienza del credito.
  2. Anno di riferimento: è il periodo d’imposta a cui si riferisce il credito.
  3. Comprendere l’importo del credito: si riferisce all’importo del credito che si intende utilizzare per la compensazione.

L’importo massimo che può essere compensato è di 516.456,90 euro.

Modello F24 semplificato: per il pagamento dell’Imu

Per effettuare il pagamento dell’Imu con il modello F24 semplificato, nella sezione MOTIVO DI PAGAMENTO, il contribuente deve indicare la chiave EL nella colonna denominata SEZIONE, in ogni riga il contribuente deve completarla con le seguenti informazioni.

  1. Codice ente: È necessario inserire il codice catastale del comune in cui si trovano gli edifici, composto da quattro caratteri.
  2. REV: è necessario barrare questa casella se il pagamento si riferisce a un pentimento.
  3. Immobile: Procedere alla spunta se ci sono stati cambiamenti in una o più proprietà, che richiedono la presentazione di una dichiarazione di variazione.
  4. AC: Spuntare se il pagamento si riferisce a un acconto.
  5. Saldo: in questa sezione si deve spuntare se il pagamento si riferisce al saldo. Nel caso in cui il pagamento venga effettuato in un’unica soluzione per l’acconto o il saldo, procedere a barrare entrambe le caselle.
  6. Anno di riferimento: è necessario indicare l’anno fiscale a cui si riferisce il pagamento. In caso di utilizzo della casella “Rev” è necessario specificare l’anno in cui l’imposta avrebbe dovuto essere pagata.
  7. Importi dovuti pagati: in questa sezione si deve indicare l’importo dovuto. Se il contribuente ha diritto alla detrazione, deve essere indicata l’imposta netta dell’importo finale.

Infine, la sezione PAGAMENTI DIFFERITI deve essere compilata solo se l’Amministrazione finanziaria vi ha dato istruzioni in tal senso.

Modello F24 semplificato

Scaricare il modello

Modifica delle informazioni

Articolo pubblicato su Agosto 31, 2022 di Lucio Rossi

Ultimo aggiornamento Settembre 14, 2022 di Lucio Rossi

Submit your review
1
2
3
4
5
Submit
     
Cancel

Condividi la tua opinione

Modello F24 semplificato
Average rating:  
 1 reviews
 by Lorenzzo

Grazie per le informazioni.